All posts tagged: cose di donne

Ecco i 9 regali che faranno contente tutte le nostre amiche

Ultime ore per i regali di Natale. All’amica che ama farsi riconoscer dal profumo! Mi piace pensare a come sarà capace di interpretarlo perché Jo Malone gioca sempre sul fragrance combining. L’arte di combinare i profumi, un giorno indossato da solo, un altro fuso con un altro profumo, prima uno poi l’altro e ancora prima l’altro in una evoluzione continua sulla pelle.   All’amica che ama i prodotti naturali! Quando voglio donare un prodotto con ingredienti naturali, senza componenti chimici superflui (senza paraffina, vaselina e cessori di formaldeide e parabeni), attento all’ambiente grazie al packaging con carta riciclata ed energia prodotta con impianti fotovoltaici, io scelgo Bottega Verde e questa volta mi é piaciuto da matti il set mandorle dolci. Nella scatola bella da vedere c’è il bagnodolce, la saponetta, la crema mani, il burro corpo e l’olio setoso. Oppure il beauty set Dahlia Bagnoschiuma e Crema Profumata per il Corpo di Erbolario.   All’amica sempre up to date La nuova collezione Les Ornements de Chanel, propone un make up per le feste glamour e sofisticato, …

Rughe profonde? Trattamenti viso lussuosi a prezzi accessibili con Avon

A un certo punto accade che il viso si segni, con rughe e perdita di tonicità, il tempo che passa, il dna, lo stress, lo smog, il fumo, le lampade eccessive, tante cause che modificano il nostro viso. E se è vero che ogni ruga è un pezzo della nostra vita, una preoccupazione, le tante risate, qualche dolore, allora dobbiamo avere cura delle nostre rughe.

Un foulard e un profumo: ecco la mia interpretazione di Twilly di Hermes

E prima di uscire l’ultimo dettaglio, lo scelgo, una tavolozza di colori, sfumature e metafore: il bianco per il silenzio, l’arancione per la gioia, il rosso intenso per l’impeto, il blu per la profondità, il verde per l’armonia, il rosa per la tenerezza, il giallo per la tenacia, il viola per la spiritualità. Un quadro poetico. Lo prendo, per vezzo lo faccio scorrere tra le dita, Chiudo gli occhi e il suo fruscio diventa sonoro “whoosh”,  ci gioco, la seta impalpabile sfiora le mani, e diventa magia. Ora SPRUZZO il profumo Twilly di Hermes sul collo si posa lieve, quasi mi solletica. Leggero. Un brivido. Lo annodo. E la seta è pervasa e, ad ogni movimento, ora gli agrumi freschi e succosi; ora il pepe invitante e inteso; ora i legni caldi e conturbanti, che mi lusingano. Per vedere il video

La regola della porta del bagno

La mia amica Loredana mi dice che io parlo pure con le pietre e devo dire che questo dialogo spesso mi ha portato delle illuminazioni importanti, come la regola della porta del bagno. (Ovviamente il dialogo non era con la pietra!) Una sera, presi il taxi per tornare a casa, con i tassisti mi faccio sempre delle prolifere chiacchierate, se hanno voglia, quanta umanità vedono loro, nessuno!

A 40 anni, la parola d’ordine è sii Glam!

È ormai alla terza edizione in poco più di tre mesi il libro “Glam a 40 anni” della giornalista e scrittrice Michaela Bellisario, che non vuole essere solo la summa dei consigli estetici per le over 40, dall’armadio al trucco, dai corsi e ai controlli. È il viaggio molto intimo dell’autrice che è decisamente glam, in un percorso leggero, divertente e allo stesso tempo confidenziale, profondo a tratti doloroso, e soprattutto consapevole. Perché essere Glam è uno stato mentale!

Ah le caviglie delle donne

A un certo punto le cedetti il passo, andò avanti e il mio sguardo cadde sulle sue caviglie, ah le caviglie delle donne… La vedevo muoversi lentamente sui quei tacchi vertiginosi, quasi ondeggiante ma assolutamente sicura nell’incedere, un passo avanti all’altro. Il tacco sottile diventava la base di quella meraviglia, di quella che io giudico un’opera d’arte: la caviglia sottile, l’osso del malleolo che esce con fierezza. Come faranno mai a stare in equilibrio le donne? Si attardò, e nel fermarsi un momento, la riga sul collant divenne un confine, uno spartiacque. Ed io in estasi, balbettai qualcosa, lei sorrise, mi aveva avvinto, e lo sapeva…   Photo: Maddy Squillace