beautiful around, beautiful inspiration
Leave a comment

Specchio, specchio delle mie brame, dimmi: chi è la più bella del reame?

specchio-specchio-delle-mie-brame

 

Non sei più tu, mia regina, è Biancaneve!

Chi di noi non avrebbe voluto essere Biancaneve? Bella, giovane e di gran lunga migliore della regina.

Invece capita di sentirsi sempre più spesso come matrone: brutte, vecchie e anche un po’ streghe. Maledetti pezzi di vetro!

Da sempre lo specchio trasporta emozioni forti: se da piccole ci strappava una risata perché non riuscivamo a capire chi diavolo fosse quella che ci faceva il verso dall’altra parte della parete, da grandi ci fa piangere perché vorremmo vederci diverse, magari solo un tantino più in forma o semplicemente senza quei solchi di stanchezza sul viso.

Alzi la mano chi non si è specchiato almeno una volta in vita sua in una vetrina, in un portone o non si è data un’ultima sbirciata nello specchietto di un’auto posteggiata.

Gli specchi popolano la nostra storia e il nostro immaginario più di quanto pensiamo: da Narciso a Gaston de La Bella e la Bestia, solo per citare miti e favole.

E diciamolo pure, niente si può contro uno specchio, pena sette anni di catastrofi!

Perciò la mia domanda è: potremmo mai rinunciarci? La risposta è no.

Lo specchio non è solo un pezzo di vetro. Si tratta di verità, di anima. Quando ci si specchia davvero ci si esamina come con uno scandaglio e quello che si ha dentro lo si riflette fuori. Specchio chiama occhi e sguardo, chiama luci, ombre e molto altro. Lo specchio riesce a portare in superficie quello che c’è in fondo, come un amico, come la coscienza. È fantastico, perciò, prendersi cura di se stessi a 360° perché ciò che si è, esce in mostra che ci piaccia o meno, che ne siamo consapevoli o no.

Allora, forse, si può finalmente comprendere la regina quando, ansiosa, aspetta una risposta dal suo specchio: “…chi è la più bella del reame?”

Credit: Testo di Mariella Fiore

… don’t forget the mirror 😉

 

Immagine tratta dal cartone animato della Disney

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *