beautiful tips
comments 4

A scuola di trucco, 2^ lezione

Ho sempre trovato affascinante il nome che è stato dato ai prodotti del make up: trucco. Affascinante perché per la Treccani (che deve averla scritta un uomo), il sostantivo trucco come significato ha:

a) Inganno, artificio, espediente abile e astuto con cui si riesce a far vedere una cosa per un’altra, a nascondere o falsare la realtà, a fare giochi di destrezza e di prestigio.

b) Procedimento tecnico per ottenere, nelle rappresentazioni sceniche, in cinematografia e in televisione, e anche in fotografia, effetti particolari, illusorî e non esistenti nella situazione specifica.

c) Il fatto, l’operazione di truccare e di truccarsi il viso a fini estetici, e più comunemente, l’effetto o il modo e i mezzi stessi (soprattutto prodotti cosmetici) con cui si esegue.

Insomma, dico affascinante, perché poi se ci ripenso, ci vogliono far supporre che noi donne usiamo degli espedienti per far credere qualcosa che non è.

Non sarà certo un rossetto rosso a far cadere in trappola un uomo? E se così fosse, di che uomo stiamo parlando???

Per me il trucco (e intendo il prodotto cosmetico) è una coccola, spesso mi tira su il morale (quando non ho dormito bene, un fard fa subito allegria, ti ricordi che lo diceva Luigi?), una civetteria davanti allo specchio (don’t forget the mirror!).

Abbiamo incontrato l’energica Giovanna Poloni, da sempre professionista nel campo della bellezza che, con uno dei suoi Makeup Artist, Antonio Trovisi, ci svela piccoli accorgimenti inediti per un trucco perfetto.

Quando hai poco tempo, sono solo 4 i prodotti che servono per sentirsi almeno in ordine.

Ma se hai invece 20’ allora puoi osare un trucco più curato.

CONSIGLIO: Per una resa migliore, la luce più giusta è quella naturale del giorno, che ci arriva perpendicolarmente dall’alto, davanti alla finestra con uno specchietto. Ovvio che se sei una fortunata ad avere in bagno lo specchio con le lampadine laterali gialle e azzurrate come i truccatori… tanta invidia!

Il PRIMER

Per cominciare un primer levigante (per le pelli mature) o illuminante (se vuoi esagerare, prima uno e poi l’altro) che puoi stendere con le dita o con un pennello di setole sintetiche su tutto il viso, occhi compresi.

Il collo non va mai truccato, invece si spennella l’orecchio col residuo.

Il pennello deve avere setole sintetiche in modo che il prodotto liquido scivoli più facilmente.

Volendo, lo puoi mettere al posto del fondotinta.

primer

Collistar Primer Uniformante Illuminante Viso-Occhi è impeccabile, a lungo tenuta e super confortevole. Si fonde con l’incarnato come un colpo di magia.

Mario De Luigi Base Trucco Levigante come un vero e proprio trattamento protegge e idrata la pelle per tutta la giornata, conferendole omogeneità, morbidezza e luminosità.

 

GLI OCCHI

Lo so che sembrerà strano ma si parte innanzitutto dagli occhi. In modo tale che, i residui di ombretto che cadono sulle gote, si possano correggere facilmente (perchè non hai ancora messo il fondotinta).

Una volta messo il primer e il correttore, li fissi con la cipria trasparente picchiettandola con la spugnetta o con un pennello grande e tondo e non stendendola.

CONSIGLIO: attenzione prima togliere l’eccesso dell’ombretto soffiando sopra la punta del pennello, c’è sempre tempo per aggiungere.

 Si parte con un ombretto chiaro dall’incavo fino al centro dell’occhio, con un pennello piatto a lingua di gatto (il 5/8, con setole naturali) picchiettandolo sulla parte mobile e non tirandolo. Volendo, puoi usare la spugnetta che è in dotazione dell’ombretto, ma col pennello puoi giocare di più sulle sfumature.

Poi, al centro delle sopracciglia dove si forma un angolo, dall’angolo si picchietta fino alla fine delle sopracciglia esterna.

(Non apriamo il capitolo delle sopracciglia, per ora)

L’ombretto scuro si picchietta con la punta di un pennello a goccia e si lavora dall’esterno dell’occhio fino a metà occhio, sulla base delle ciglia, con l’occhio aperto e poi nella piega esterna della palpebra (dove c’è l’osso orbitale) a salire si va avanti e indietro senza staccare il pennello seguendo la linea e poi si sfuma verso l’esterno e verso l’alto.

L’occhio non va tirato, perché ne cambia la morfologia.

La matita va disegnata sulla base delle ciglia e va sempre temperata per togliere i batteri.

Con il cotton fiock si allunga la matita e si trucca la parte sotto dell’occhio, dall’esterno fino a metà occhio.

E sempre con il cotton fiock si correggono gli errori.

RICAPITOLIAMO:

Il primer e il correttore si stendono con un pennello di setole sintetiche.

La cipria si picchietta con un pennello grande e tondo o con la sua spugnetta.

L’ombretto si picchietta con un pennello piatto a lingua di gatto con setole naturali.

 

4 COSE DA SAPERE:

1) Il colore degli occhi e gli abbinamenti

Per esaltare l’occhio color verde, l’ombretto deve virare verso i colori rossi (bordeaux, prugna, rosso, viola).

Per esaltare l’occhio color azzurro, l’ombretto deve virare sui marroni.

Per esaltare l’occhio color marrone, l’ombretto deve virare all’azzurro e il blu.

Per esaltare l’occhio color nero va bene qualsiasi colore.

2) L’ombretto nero è perfetto su tutti gli occhi, sfumato è più naturale, incisivo per una serata.

Lo smokie eyes va sempre di moda, ma non è detto che debba essere per forza nero, anzi!

3) Gli ombretti in crema sono più resistenti e sono perfetti per la palpebra incappucciata (me cade la palpebra).

4) Dentro l’occhio la matita chiara (carne, burro o panna) ingrandisce lo sguardo, la matita scura invece riduce.

4 OMBRES AUTOMNE 2011 PR�UDE

Blue Rhythm di Chanel, ribelle ed elegante.

EYES x 9 EYE PALETTE Navy Times Nine

Eyes On MAC 9 colori coordinati ma con un’infinità di combinazioni.

I love you palette Diego Dalla Palma Milano

La palette occhi e guance I love you Palette di Diego Dalla Palma Milano per giochi di luce extra pearl.

Palette 9 Artist Shadow 2 Make Up For Ever

Artist Shadow 2 di Make Up For Ever 9 colori vivaci e intensi per qualsiasi look!

COUTURE PALETTE CLASH & WHITE YSL

Couture Palette Clash & White Edition di YSL per un risultato grafico audace e pieno di contrasti.

 

Giovanna Poloni, lapoloni makeup apoloni50@gmail.com

Antonio Trovisi, Makeup Artist antonio.trovisi@hotmail.it

4 Comments

  1. Pingback: A scuola di trucco: 4 trucchi da sapere facili facili per gli occhi + 1 bonus - don't forget the mirror

    • Marianna, grazie per il tuo suggerimento prezioso, devo dirti infatti che ultimamente o mettiamo le illustrazioni oppure facciamo proprio la prova trucco … anche perché come è difficile spiegare senza vedere!!! tu sei brava a disegnare?

  2. Pingback: Focus sugli occhi: 10 consigli + 1  - don't forget the mirror

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *