beautiful inspiration
Leave a comment

A scuola di profumo: lezione 3, il tributo

Nella lezione 3 di scuola di profumo, scopriamo che prima della piramide olfattiva, c’è l’ispirazione del profumiere, e prima ancora l’omaggio.

Quando un profumo nasce da una persona e per una persana che diventa il concentrato di tutte le altre. E questa è Misia.

Misia Chanel gold

“Il y a tout dans la femme, et il y a toutes les femmes dans Misia” Gabrielle Chanel

Misia ChanelMisia della collezione Les Exclusifs de Chanel non vuole essere la biografia olfattiva di questa donna incredibile, quanto il tributo all’incontro fortunato con Gabrielle Chanel.

Chi è Misia?

Musa, agente e amica degli artisti del momento con una predilezione per le arti e per le lettere, il fascino per il lusso e il potere, il gusto per l’amore e la vita. Carismatica, forte e vulcanica, sapeva riunire talenti e stimolare nuove idee. Misia incontra Chanel e ne scorge la potenza che saprà fare della femminilità. Diventano amiche, sorelle, condividendo amicizie, gusti, oggetti, idee.

Misia di Jean Cocteau

Sarà Misia a consolare Chanel, dopo la morte del compagno, portandola a Venezia e facendole scoprire i luccichii e gli ori dei palazzi e dei musei, delle chiese e delle botteghe artigiane. E quegli oggetti bizantini o barocchi daranno vita a bijoux couture. Misia introduce Chanel nell’alta società cosmopolita della città lagunare, presentandole Serge Diaghilev, l’anima dei Ballets Russes. E Chanel si fa strada in questo mondo, creando per lui dei costumi e incontrando artisti come Picasso, Jean Cocteau, Igor Stravinsky e tanti altri.

Le due amiche sono inseparabili.
E sarà Misia a suggerire a Chanel di lanciare un Eau Chanel.

Com’è Misia

photograph photography photo photographie figure aOggi l’omaggio a Misia si apre con la violetta dagli accenti cipriati, agghindata con la rosa di maggio di Grasse, insieme alla rosa turca ricca e avvolgente e all’iris, raffinato e lussuoso. Misia si fonde dolcemente sulla pelle grazie alla rotondità della fava Tonka e del benzoino del Laos.

E così se chiudi gli occhi e ti bagni con le note cipiate di Misia ti sembrerà di essere alle serate di Venezia, con il tintinnio delle collane, le piume e le pellicce e per un momento apparirà lei, Misia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *