All posts tagged: la forza delle donne

Ecco cosa prova un’attrice sul palco e davanti allo specchio: ce ne parla Sara Borsarelli

La via del teatro non è via semplice. È fatta di impegno e fatica. Ti mette a nudo, ti sfida di continuo. Spariglia le carte della tua identità con ruoli femminili sempre differenti. Nei quali ti specchi e, al tempo stesso, ti nascondi. Abbiamo chiesto a Sara cosa prova un’attrice “allo specchio”, nel privato e in scena.

Mi presento: Gabrielle

Non posso continuare ad usare quelle gonne lunghe e strette che impacciano i movimenti, il mio passo è veloce, spedito, leggero. Non posso portare i capelli lunghi per sentirmi femminile, sono donna anche con un taglio corto, sono donna anche con un pantalone, anche se rubo il tessuto al tuo guardaroba. Non posso stare zitta in un angolo, io ho molto da dire e da far cambiare. Non posso adornarmi come una femmina qualunque, voglio una t-shirt a righe che mi ricorda il mare, una collana di perle che mi ricorda Venezia, una camelia che mi ricorda la Provenza. E soprattutto non posso essere come desideri tu, perché sono troppo impegnata ad essere me stessa. Mi presento: Gabrielle        

A 40 anni, la parola d’ordine è sii Glam!

È ormai alla terza edizione in poco più di tre mesi il libro “Glam a 40 anni” della giornalista e scrittrice Michaela Bellisario, che non vuole essere solo la summa dei consigli estetici per le over 40, dall’armadio al trucco, dai corsi e ai controlli. È il viaggio molto intimo dell’autrice che è decisamente glam, in un percorso leggero, divertente e allo stesso tempo confidenziale, profondo a tratti doloroso, e soprattutto consapevole. Perché essere Glam è uno stato mentale!

31 dicembre: pronte ai blocchi di partenza?

Pronte ai blocchi di partenza? Perché l’anno nuovo è un po’ come essere lì in pole position, tutti ti guardano, pronta per partire. Sarà una corsa di velocità, tutto e subito, dove conta lo scatto, dove conta non guardarsi indietro e correre veloce davanti alla meta senza fiato? (io da bambina ero velocissima, scattavo ma poi davanti a quel nastro, l’esitazione diventava il mio secondo posto) Oppure sarà una maratona, dove l’impegno è costante, il sacrificio totale, dove devi dosare bene le forze, aspettare per lo scatto finale? O una staffetta? Dove è fondamentale correre insieme, avere sintonia, complicità, sapere che qualcuno conta su di te? Qualunque sarà la mia corsa mi auguro di non avere più l’esitazione davanti al nastro. Pronta a partire! Buone feste, buone riflessioni, buoni propositi per questo nuovo anno ricco di sogni da realizzare, lasciamo i cassetti ai pigri! Questo il nostro sogno: tre amiche a cena, uno specchio come testimone e il progetto di dont forget the mirror prende corpo piano, di notte. Perché a qualunque età si può scommettere …