beautiful inspiration
Leave a comment

Oud: due profumi, due interpretazioni

due interpretazioni del prezioso OUD

L’oud ingrediente tanto raro e pregiato, intrigantemente misterioso.

Regale, profetico, quasi divino.

Conturbante, avvolgente, suggestivo, tentatore.

Due interpretazioni potenti e inaspettate.

OUD MINÉRALE DI TOM FORD: sentori boisé marini

L’Oud dominante e mistificante incontra la freschezza esuberante dell’oceano, in un gioco agli opposti: i flutti rinfrescanti del mare versus la fiamma ardente del legno affumicato per sensazioni energizzanti, straordinariamente potenti.

Desideravo creare un’essenza sorprendente e senza precedenti. Dall’incontro di due elementi provenienti da due mondi completamente diversi è nata la nuova espressione dell’oud, un calibrato gioco di creatività e richiamo irresistibile. – TOM FORD

Oud Minérale di Tom Ford dona sensazioni dai toni invitanti e audacemente enigmatici.

GLI INGREDIENTI

La vitalità e la forza dell’oceano si manifestano in modo repentino. Irrompe la luminosità del pepe rosa e poi di colpo il balsamo di abete libera nuove sfaccettature irresistibili dell’Oud.

 

VELVET DESERT OUD DI DOLCE & GABBANA: legnosa e speziata

Rimandi lontani a tesori nascosti del Medio Oriente, carovane nel deserto, essenze che si sprigionano dai bracieri. La conquista mistica del deserto: avventura e mistero.

Nulla è più entusiasmante della continua ricerca. – Domenico Dolce

Dolce&Gabbana Velvet Desert Oud pervade i sensi, inebria in modo così rapido e travolgente che la ricerca diventa una conquista incondizionata e rinvigorente.

GLI INGREDIENTI

Note ambrate, un tocco di muschio, l’incenso e l’oud.

Tom Ford Oud Minerale Dolce & gabbana Velvet Desert Oud

Che cos’è l’oud?

È una resina, prodotta dall’Agarwood, un albero di origine sud-asiatica, presente in Vietnam, in Myanmar e nello stato indiano dell’Assam. Uno degli odori più ancestrali e caratterizzanti del Medio Oriente, grazie ai mercanti che lo trasportavano, bruciato durante le preghiere islamiche, il suo olio è sempre stato usato all’interno dei profumi mediorientali, affiancato per esempio dalla rosa o dalla mirra.

Il suo odore legnoso ricorda l’incenso e il cuoio, ma anche il miele, perché è avvolgente, e benché sia una nota olfattiva prettamente maschile è ora apprezzata moltissimo anche dalle donne.

Essendo una resina alquanto rara il suo prezzo può superare tranquillamente i 50-60 mila dollari al chilo e a volte anche le quotazioni dell’oro.

 

Curiosità: gli alberi indiani Aquilaria e Gyrinops producono, per proteggersi, questa resina scura, quando vengono infettati da un particolare tipo di muffa.

e tu hai mai provato una fragranza con questo ingrediente intenso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *