beautiful tips
Leave a comment

L’accessorio intramontabile: il cappello di feltro

Il cappello di feltro

È un accessorio che ci protegge dal freddo e dal sole, che ci dona personalità, ma è sconosciuto ai più o meglio ne abbiamo veramente poche informazioni, anche se ha una storia millenaria: il cappello! Per questo abbiamo incontrato uno dei massimi esperti in Italia: Matteo Mutinelli nella sua cappelleria di Milano.

La Cappelleria Mutinelli è stata fondata dal bisnonno di Matteo nel 1888, 4 generazioni di esperienza.

Oggi ci concentriamo sul cappello di feltro e i suoi segreti. Il feltro è il materiale principe in una cappelleria, ci sono diversi tipi di feltro, diversi tipi di lavorazione.

IL MATERIALE

Il feltro* più nobile è il pelo di coniglio, per cui con il suo pelo si fanno i cappelli di qualità più fine, dona una gamma di lavorazioni e opzioni molto variegata rispetto alla lana, che invece è un ottimo cappello per fare delle cose più semplici.

Il feltro di lepre per esempio è utilizzato per fare cappelli come i Borsalino, che nascono con caratteristiche di impermeabilità, traspirazione e leggerezza che con altri materiali non ottieni.

 

LA MODELLISTICA

Ci sono cappelli più classici, formali, ci sono cappelli più giusti per un abbigliamento sportivo. Ci sono prodotti che contengono ambedue i mondi e poi ci sono le guarnizioni che incidono sull’effetto finale del cappello.

Il cappello è una scelta personale ed è bello incrociare mondi diversi per dare un tocco più particolare al proprio abbigliamento.

 

LA TERMINOLOGIA TECNICA

C’è il cappello (tipo Borsalino e poi ci sono i berretti (la coppola).

La parte alta del cappello è la cupola, con ai due lati le fosse e quella centrale in alto la vaga.

La guarnizione è il nastro con il fiocco o la galla.

Poi c’è l’ala o la tesa, che può essere di varie dimensioni, solitamente è di 6 centimetri. La larghezza dell’ala incide sull’effetto finale della cupola. Più andiamo a stringere l’ala e più la cupola si innalza, perché cambia la proporzione, se l’ala è di 5-6 centimetri, la proporzione è ideale.

La cupola può essere piena o conica e sono proprio quei dettagli che fanno scegliere il proprio cappello.

 

LE REGOLE SUL VISO

Secondo le regole generali, le linee uomo stanno bene a una donna, quando l’ala è ampia soprattutto se ha capelli lunghi, dona una proporzione più giusta. Se l’ovale è paffuto o pronunciato, l’ala più grande sta meglio.

Però il cappello giusto per te è quello con cui ti senti in confidenza, che indossi, guardandoti allo specchio.

*Feltro = Falda compatta, dello spessore di qualche millimetro, costituita da fibre di lana, con o senza peli animali (di coniglio, castoro, lontra, ecc.), ottenuta con la pressatura e la follatura delle fibre cardate, che si agglomerano sotto l’azione del calore, dell’umidità e di eventuali sostanze aggiunte. (fonte Treccani)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *